Monday, December 17, 2012

FAD EMEA 2012 Rheinfelden

For the first time since I become a Fedora Ambassador, I participated to the 2012 EMEA FAD, traditionally hosted by Gerold Kassube in Rheinfelden (Germany), in the wonderful Beuggen Castle.
Main body and chapel at the Beuggen Castle

Now, as a mountain lover, I have few expectations from a trip through Switzerland: one is great landscapes, the other is snow. I was not disappointed on both accounts!
In fact, despite the Rheinfelden region is usually not very cold, we were welcome by nice snowfall. Of course that made it harder to reach Rheinfelden (me, Gabriele and Robert shared a car from Milan) but it also meant we woke up on Saturday in this environment:
Almost magical...
If you have not even been in a FAD you may now wonder what it looks like; basically, it is the place where Ambassadors discuss current issues, identify potential improvements and try to come up with a plan to reach goals. In the process, if anything turns out to be broken, we fix it right away.

Christoph made already a nice summary of the main points we touched during the event. In particular, I would like to note we will be trying to expand the range of Fedora branded goods to give away (as swag or otherwise). We also discussed several other items, like the need for more local events, and an expansion of the new Ambassadors mentoring program so new guys will find an easier way into the project. Additionally, we will be run a census among our fellow Ambassadors to understand how they feel about the program, what they are doing and what the project could do to help them more.
Finally, we will encourage all Ambassadors to host an annual get-together type of event in their own country in order to have a tighter local community.

Of course, no FAD is complete with a solid social part. In this case, the real treat was the dinner we consumed on Saturday at the blindekuh (blind cow) restaurant.

The main feature there is a large dining room completely surrounded by thick, black drapes so the room is in absolute darkness. For good measure, you have to leave in storage cabinets at the entrance everything that can emit light.

Luckily enough, reaching your seat and getting your food to the table is not a problem because waiters are blind, but managing to keep calm and consume your dinner is another story! This was a really strong experience and after a while I started to feel a bit weird, something in between drunk and scared. Of course, I was also consuming beer but I'm sure the darkness was to blame...

All in all, my first FAD was a great experience and I look forward to next year for another one. I would also like to thank all the FAD participants for a fun and productive week end: in particular Gerold for organizing our stay and for the great dinner at blindekuh, and Gabriele for driving 5 hours straight in the snow with his brand new winter tires.

Thursday, December 13, 2012

LinuxCon 2012 Barcelona Report

I am happy to host the report from the latest Italian Ambassador joining the program, Giuseppe Palestra,  who broke the ice by participating to the LinuxCon 2012 in Barcellona. Well done Giuseppe!

LinuxCon 2012 Barcelona Report

The conference started at 8:00 am with registration of attendees. Me and
the other fedora ambassadors (Alvaro and Ruth) arranged the booth and at
9:00am keynotes started. After the keynotes we waited at the booth for
contacting the conference visitors. After the keynotes I started
presenting myself to other people close to our booth, Red Hat people or
correlated Fedora Project people principally. There were a lot of
interesting talks during this day but I decided to partecipate only to a
little subset; the most interesting for me in LinuxCon was "Virtual
Machine snapshots: Overview and Illustration of Different Types of
Snapshots With libvirt/QEMU". In this day started also the Embedded
Linux Conference Europe 2012 and for me the most interesting talk was
The PF_ZIO: Using Network Frames to Convey I/O Data and Meta-Data hold
by an italian professor Alessandro Rubini.

A lot of stickers and about 30 DVD (Fedora 17) was distributed in this day.

6th November

The second day starts with keynotes at 9:00 am and at the end me and
other ambassadors were ready to speak with a lot of people at the
booth. People were very interested to our OLPC XO with Fedora, people
tried our operating system and appreciate it. In this day I follow 3
talks and the most interesting i for me were "Introduction to oVirt
Virtualization Management Platform." In the afternoon I attended the
dinner offered by Intel, at the dinner all attendees got surprised by
the participation of Linus Torvalds. :)

About 30 DVD distributed.

My experience at the booth of Fedora Project has ended, but my
commitment will continue...I knew a lot of enthusiastic fedora people,
especially from Italia, Russia, Finland, USA and with some of these I
entertain relationships about Fedora by email.
I will hope to attend at other conferences to see again the interesting
people I met in Barcelona.
Special thanks to Ruth and Alvaro.


git bash prompt in Fedora 18

If you are a git user, chances are your are using a customized bash prompt,
which is usually defined in ~/.bashrc like this:
PS1='[\u@\h \W$(__git_ps1 " (%s)")]\$ '
In case you don't know it, the __git_ps1 is a handy function provided by the git package to show relevant git repository information (branch name, merge status, etc) right at the prompt.

For instance, this is what the prompt looks like when I cd into a git checkout:
[giallu@qbert gittest (master)]$
Today, after updating one of my development boxes to (the not yet released, but we're getting there...) Fedora 18, I started seeing this error in all my terminals:
bash: __git_ps1: command not found
[giallu@qbert ~]$ 
I found that the problem is caused by the move of the __git_ps1 function, from /etc/bash_completion.d/git to /usr/share/git-core/contrib/completion/

So, in order to fix the issue, you just need to edit your bashrc like this:
. /usr/share/git-core/contrib/completion/
PS1='[\u@\h \W$(__git_ps1 " (%s)")]\$ '

Monday, November 26, 2012

Fedora: il significato dei nomi in codice

E' notizia di pochi giorni fa che il nome in codice scelto per Fedora 19 sarà Schrodinger's Cat, un celebre esperimento mentale utilizzato per spiegare uno dei paradossi della meccanica quantistica.

E' usanza piuttosto comune utilizzare un nome in codice (oltre al numero di versione) per caratterizzare i rilasci delle distribuzioni Linux.

Per quanto riguarda Fedora la proposta e la scelta del nome in codice per ogni versione avvengono democraticamente, e in alcuni casi influisce anche sul tema grafico utilizzato.

La regola di selezione per i nomi in codice di Fedora è la seguente:

<il nuovo nome> è ..... , così come <il vecchio nome>

Ovvero dev'esserci un legame tra il nome vecchio e quello nuovo, senza particolari vincoli sulle aree tematiche trattate.

Ecco quindi come si può passare agevolmente da nomi di città tedesche a navi antiche o ad esperimenti mentali... basta rispettare la regola.

La procedura di selezione inizia molti mesi prima del rilascio, quando tutti gli utenti registrati aggiungono le loro proposte nel wiki. Per esempio, la pagina per Fedora 19 ne elenca ben 101! Poi la Fedora Board fa una prima scrematura della lista eliminando tutti quelli che non rispettano le condizioni poste. I nomi rimasti, vengono inviati e vagliati da un team di legali della Red Hat per evitare che si incappi in un qualche marchio registrato o comunque problematico. Infine, i nomi che superano tutte questi ostacoli, entrano in un ballottaggio a cui partecipano solo i contributori del progetto Fedora.
Alla fine dalla votazione, viene decretato il nome della release.

Per chi fosse curioso, qui di seguito potete trovare l'intera lista di nomi in codice utilizzati da Fedora, più l'elenco delle loro connessioni...

  • Fedora Core 1: "Yarrow" è una pianta utilizzata in passato per aromatizzare la birra.

  • Fedora Core 2: "Tettnang" ha a che fare con la birra (è una città tedesca nella quale viene prodotto il luppolo), così come "Yarrow".
  • Fedora Core 3: "Heidelberg" è una città tedesca, così come "Tettnang".
  • Fedora Core 4: "Stentz" è un ente commerciale che vende alcolici, così come "Heidelberg" ("Heidelberg" è anche una marca di birra).
  • Fedora Core 5: "Bordeaux" è un ente commerciale che ha a che fare col vino francese, così come Stentz (Stentz è una cantina francese).
  • Fedora Core 6: "Zod" è un personaggio della DC Comics, così come "Bordeaux".
  • Fedora 7: "Moonshine" è un'etichetta musicale indipendente, così come "Zod".
  • Fedora 8: "Werewolf" è il nome di un film, così come "Moonshine".
  • Fedora 9: "Suplhur" è un elemento che reagisce chimicamente a contatto con l'argento, così come "Werewolf" (trad. "Licantropo"). 
  • Fedora 10: "Cambridge" è una città, così come "Sulphur" (Cambridge era anche il nome che doveva avere Red Hat 10, prima di diventare Fedora Core 1). 
  • Fedora 11: "Leonidas" era una nave della marina dell'Unione (1800), così come "Cambridge". 
  • Fedora 12: "Constantine" è una cittadina del Michigan, così come "Leonidas". 
  • Fedora 13: "Goddard" era uno studioso pioniere della missilistica moderna, così come "Constantine" (Konstantin Tsiolkovsky). 
  • Fedora 14: "Laughlin" era un professore di Fisica, così come "Goddard". 
  • Fedora 15: "Lovelock" è una città del Nevada, così come "Laughlin". 
  • Fedora 16: "Verne" era un futurologo, così come "Lovelock". 
  • Fedora 17: "Beefy Miracle" è stato uno dei nomi suggeriti per Fedora 16, così come "Verne" (quando venne proposto per F16 il legame era "...è una stringa la quale, applicando un particolare codice informatico, fornisce 5 come risultato, così come la stringa "Lovelock"). 
  • Fedora 18: "Spherical Cow" è qualcosa che non è mai stato osservato fino ad ora, così come "Beefy Miracle". 
  • Fedora 19: "Schrodinger's Cat" è un esperimento mentale, così come "Spherical Cow". 

Monday, November 5, 2012

Fedora 18: un parto travagliato

E' notizia ufficiale di pochi giorni fa che la Beta di Fedora 18 subirà un ulteriore ritardo dovuto alla incompleta implementazione di Anaconda (l'installer del sistema) il quale, ricordiamo, in questa versione ha subito una riscrittura totale.

Al momento si sta tentando di non far slittare ulteriormente anche le altre milestones, motivo per cui la data di rilascio della final release è rimasta l'11 Dicembre. Tuttavia, per come stanno attualmente le cose, non è da escludere che anche quest'ultima data subisca un cambiamento. Addirittura c'è chi ha suggerito di tagliare la testa al toro e far slittare la release di un mese o due, così da creare un lasso di tempo più realistico per il completamento e la stabilizzazione di questo componente così importante.

Fedora 18, oltre che per le interessanti features incluse, sarà senz'altro ricordata per uno dei cicli di sviluppo più lunghi della sua storia (solo Fedora Core 5  ebbe un ciclo più lungo, ma quello di allora era stato deciso a priori), ciò significherà anche che Fedora 16 verrà supportata un po' più a lungo.

Nella mailing list dedicata agli sviluppatori è nata un'interessante discussione sulle motivazioni di questo situazione e su come potrebbe essere migliorato il processo affinché non capiti più in futuro.

Tra le proposte, quella di passare ad una filosofia rolling release, oppure di utilizzare uno schema di rilasci di tipo "debian" (ramo stabile, testing e instabile).

Una cosa è certa: dallo sviluppo di Fedora 18 potrebbero nascere cambiamenti molto importanti per l'organizzazione e lo sviluppo del sistema.

Monday, October 29, 2012

FAD Milano report

We held the FAD event in Milano last Saturday, where a few Italian Fedora contributors gathered to show interested users and wannabe how to participate to various teams of the Fedora Project.

Robert Mayr, website team
In particular, we had Andrea Veri (infrastructure), Robert Mayr (websites), Samuel Iuri (design), Mario Santagiuliana (localization) talking about how their teams work. Moreover, a talk about contributing to the kernel development was held  by Federico Vaga and Massimiliano Bugni shown how to handle Fedora respins both for home and office usage.

About me, I tried to quickly describe the importance of packaging for the whole distribution, then invited interested parties to gather in another room for a practical session. For this, I restructured an older presentation I gave about packaging, adding more workshop type material from both Tom Callaway and Miroslav Suchy. The resulting practical session lasted well beyond the original schedule of one hour, but I think it was well received, and the few but very interested users asked many questions and raised interesting topics for further discussion.

The event run along with the Linux Day, the main FOSS event in Italy held in more than 100 cities. With this arrangement we hoped to gather more participants as a result, but in the end this did not really work as expected. However, I quickly counted about 30 'heads' just before my introduction so in the end I think we see the glass half full and be happy for putting together a great team. I'm sure we will be able to do more wonderful events in the future!

Of course, no event is complete without a good team dinner. And in fact we had a nice one, where we commented the day and discussed plans for the next events in front of pizza and beers. Like these:

My personal PRO/CON list

PRO: location. Very nice and spacious. I think it was evaluated for the 2011 FUDCon in Milan but for some reason it did not work.
PRO: presenters. I  never saw them in 'action'
PRO: organization. Marina and Gabriele anticipated every possible need, so the sessions run smoothly.

CON: concurrency. We need to try it again on a different date, without competing with other Linux related events in other cities (this surely prevented some contributors from traveling)
CON: the University have a policy of 'no signs out of bullettin boards'. This made directing the people to the event more difficult than it should be. We could buy some outdoor standing Fedora banners, and use them to direct people in cases like this.
CON: tight schedule. Practical sessions lasts longer than regular talks, so we were forced to do it concurrently with other talks. I hope next time we can do a full day event with a single track so people do not need to pick just one (and I will not miss friends' talks!)

Friday, October 26, 2012

Fedora al Linux Day 2012

Ci siamo. Domani è il giorno del Linux Day 2012 in tutta Italia.

Qualche settimana fa avevo proposto di inviare materiale marketing Fedora a chi ne avesse fatto richiesta. Oggi sono felice ti confermare che potrete trovare il nostro materiale ufficiale (come quello che vedete qua sopra) ai seguenti eventi.

Non fateveli scappare!
Fedora al Linux Day 2012.
Grazie a Giulio Erler (arkanoid) per la mappa

Imperia Oneglia
Tito (Potenza)
Lonate Pozzolo

Wednesday, October 24, 2012

Fedora 18: Yum non aspetterà più PackageKit

A quanti di noi è capitato almeno una volta di dare un comando a Yum per vederlo in attesa a causa di PackageKit?

Personalmente a me accade abbastanza spesso.

Finalmente, grazie ad Elad Alfassa, da Fedora 18 ciò non accadrà più, poiché grazie ad una patch è stato corretto questo fastidioso bug.

Il nuovo comportamento prevede che Yum abbia la precedenza, quindi, anche se PackageKit sta svolgendo un'operazione, verrà sospeso per permettervi di operare separatamente con Yum.

A mio parere un altro piccolo, grande miglioramento per Fedora.

Tuesday, October 23, 2012

FUDCon Paris 2012

Robert Mayr (robyduck)
Although I was the only italian guy who at the end decided to attend the FUDCon event in Paris, I enjoyed it very much and I hope to be present also at the next one. Let's see how it was for me:

Saturday 13th october, Day 1

I woke up at 3:15 am (!) and arrived at Paris Beauvais at 8:10 am. From there I moved to the city and before registering to the event I went to the Arc de Triomphe for taking a picture .

At the Eurosites George V I got my Fedora badge and started looking for some known faces, but the operation “matching Nickname -> face -> Real Name” was not very easy at the beginning.

As I didn’t know anyone (it was my first FUDCon) I decided to explore the rooms reserved for the talks, because the first day the main event in Eurosites George V Business Center was the Open Forum. Finally I went into the main room, where Robyn Bergeron was talking about her keynotes and where the most of the attendees were listening.

Generally I would say that the target of the first day where more the new users, while the other two days were more technical and dedicated to Fedora Contributors.

After the keynotes were finished I started presenting myself to as much guys as possible and so I slowly did the match nick/face/name, one of them was Kèvin Raymond who was so kind to host me at his apartment during the FUDCon event. It was really useful and nice speaking with the persons directly after having spent so much time chatting on IRC or Mailing List.

In the afternoon I decided to attend the talk held by Marek Jelen about Openshift, it was very interesting and I'll soon try to deepen the arguments which he talked about.
When finished I went to the Infrastructure talk (pingou or Pierre-Yves Chibon) and 'How to be a Leader in a non gerarchic structure' like the is (Christoph Wickert).

It was time to go around in Paris before going to Fudpub, so I started a little tour with Fabian and Gerold in which we met also the hungarian guys. We also decided to eat something before joining the others at Fudpub and then continued eating a lot of french Pizza and drinking 2-3 liters of beer...

 Sunday 14th october, Day 2

The second day was held in the Citè des Sciences and it was a very beautiful location. We started presenting the talks planned for the day and so I jumped all the day from a talk to another.

I attended the talk held by spot (Tom Callaway) about the end user experience and what we could expect from the future. It was quite interesting to hear his opinion about this topics. Obviously I heard the presentation of the websites team by shaiton (Kèvin Raymond) ad then also the XFCE environment by cwickert, who gave us also some background about the development of this DE.

I appreciated very much the swag session, where I got the necessary material for the event we are going to organize in Milan at the Linux Day. I'm able also to give some swags to other LD locations, where other ambassadors will held some talks about Fedora. Thank you Jiri and Robyn!

In the afternoon I attended the Kernel talk and then the discussion about EMEA ambassadors held by Fabian Affolter. As we actually have only one mentor we solved this problem proposing new mentors and this was very important. We also discussed about improvements of the mentoring process, because it should be easy to do but at the same time filter the candidates avoiding to have too much inactive ambassadors. In the end the only thing we can do is to try to do as much as possible, and events like the FUDCon are motivation to do more.

After the talks I departed, because monday I had to work, but thank's to the french organization team for this event. It was really nice and well organized, now I'm looking forward to next year...

Saturday, October 20, 2012

Verso Fedora 18, con yum

Dopo i ritardi accumulati da Fedora 18, grazie sopratutto ai problemi derivanti dalla riscrittura di Anaconda, ho deciso che ormai le componenti più critiche per il mio utilizzo (GNOME in particolare) sono stabili a sufficienza per poterci lavorare. Ma il problema è, come aggiornare?

Normalmente partirei con una reinstallazione o preupgrade, ma in questo momento l'idea di affidarmi in qualunque modo ad anaconda non mi attrae. Rimane quindi un solo candidato.

Friday, October 19, 2012

Fedora Activity Day a Milano

Come sicuramente saprete, il 27 Ottobre si tiene il Linux Day, classico evento autunnale con decine di manifestazioni in tutta Italia.

Quello che invece forse ancora non sapete è che la comunità Fedora italiana sta preparando nello stesso giorno un evento dedicato a tutti quelli che vogliono saperne di più sulla nostra distribuzione, come è costruita, come si fa partecipare e tanto altro ancora.

Quindi, se siete interessati a partecipare o semplicemente curiosi di incontrare alcuni dei membri italiani della comunità questa è la vostra occasione!

L'appuntamento è a Milano, alle ore 14 presso il Politecnico di Milano, Edificio 3 "Gino Cassinis". Le aule dovrebbero essere la S.0.2 e la S.0.5, ma quando sarete sul posto troverete senz'altro le indicazioni da seguire.

Durante il pomeriggio non mancheranno talk e sessioni pratiche; queste ultime riguarderanno la partecipazione al team di traduzione e la pacchettizzazione  di programmi in formato RPM, quindi non scordate di portare il vostro laptop!

Sul wiki Fedora troverete la pagina con tutti i dettagli dell'evento (in inglese)

Colgo l'occasione per ringraziare Marina Latini (deneb) e Gabriele Trombini (mailga) per aver preso in mano le redini organizzative, nonchè tutti quelli che hanno dato la loro disponibilità a collaborare al successo di questa iniziativa.

La locandina del Linux Day Milano

Thursday, October 18, 2012

tracker can eat a lot of disk space

And when I say a lot, I mean it

$ du -hs ~/.cache/
4.3G /home/giallu/.cache/

$ tracker-control -r
Found 303 PIDs…
Found process ID 1416 for 'tracker-store'
Killed process 1416
Found process ID 1418 for 'tracker-miner-fs'
Killed process 1418
Setting up monitor for changes to config file:'/home/giallu/.config/tracker/tracker-control.cfg'
Setting database locations
Checking database directories exist
Checking database version
Checking database files exist
Removing all database/storage files
Removing first index file:'/home/giallu/.cache/tracker/first-index.txt'
Removing last crawl file:'/home/giallu/.cache/tracker/last-crawl.txt'
Removing database:'/home/giallu/.cache/tracker/meta.db'
Removing journal:'/home/giallu/.local/share/tracker/data/tracker-store.journal'
Removing db-version file:'/home/giallu/.cache/tracker/db-version.txt'
Removing db-locale file:'/home/giallu/.cache/tracker/db-locale.txt'

$ du -hs ~/.cache/
591M /home/giallu/.cache/

Monday, October 1, 2012

Renaming an OpenShift application

The OpenShift service from Red Hat lets you easily start and build web applications with common languages and frameworks such as Node.js, Ruby, Python, PHP, Perl, and Java.

For example, creating a new Django application is an easy 3 step procedure:

Create a python-2.6 application
rhc app create -a django -t python-2.6

Add this upstream repo
cd django
git remote add upstream -m master git://
git pull -s recursive -X theirs upstream master

Then push the repo to openshift
git push

So far so good.

Unfortunately, if you later decide to give your new application a more meaningful name you realize there is no command to do so directly. I've found this procedure quick and effective:

Create the new application with the correct name, using the -n option will not clone the new repo:
[giallu@novo django (master)]$ rhc-create-app -a newname -t python-2.6 -n

Note the git url it gives you in the output, then issue:
[giallu@novo django (master)]$ git remote set-url origin newurl

Push your repo to the new url
[giallu@novo django (master)]$ git push

Finally, remove the older repository:
[giallu@novo django (master)]$ rhc-ctl-app -a django -c destroy

Optionally, you can rename your top level directory to match the new application name.

Friday, September 21, 2012

Materiale Fedora per Linux Day 2012

Stickers... Stickers everywhere.
Che Linux Day sarebbe senza un po' di promozione alla nostra distribuzione preferita?

Quest'anno il Linux Day è programmato per il 27 Ottobre, e già sono molti i team registrati sul sito.

Se siete tra gli organizzatori di qualcuno di questi eventi o semplicemente vi piacerebbe promuovere Fedora all'evento a cui partecipate (in questo caso, ricordate che siamo sempre in cerca di nuovi Ambassador per il progetto, contattatemi per avere altre informazioni)
vi farà piacere sapere che anche quest'anno sto cercando di assemblare un 'Fedora Kit', contentente materiale marketing (DVD, stickers, etc.) da distribuire ai partecipanti.

Non so ancora esattamente cosa e quanto conterrà ogni kit, ma se siete interessati  per favore riempite questo form di richiesta e sarete ricontattati appena il materiale sarà disponibile.

Le regole sono semplici:

  • le richieste si accettano fino al 5 Ottobre
  • le richieste saranno soddisfatte secondo l'ordine di arrivo
  • le richieste da parte di Ambbassador del progetto avranno la priorità
Buon Linux Day a tutti!

Tuesday, August 7, 2012

GNOME Journal

E' già successo e capiterà ancora. Qualcuno arriverà in forma di tweet, blog, post G+, etc sostendo di aver introdotto una nuova, meravigliosa feature nel proprio ambiente desktop.

Quel qualcuno ovviamente si dimenticherà di notare che non si tratta proprio di una sua creazione, ma che è il frutto di un programmatore italiano che ha lavorato al GSoC (Google Summer of Code) per trasformare il vecchio "Activity Journal" nel nuovo "Journal".

Personalmente, spero solo di vederlo al più presto in Fedora...

Thursday, August 2, 2012

Fedora regala hardware (ma non in Italia...)

Quest'anno Natale arriva in anticipo per i volontari del progetto Fedora.

Infatti, fino al 15 Agosto è possibile iscriversi ad una specialissima lotteria che porterà in casa di 220 fortunati uno dei premi in palio fra RaspberriPi (in foto), una board Arduino con una shield a scelta oppure un fiammante Laptop XO (quelli del progetto OLPC) equipaggiato con l'ambiente Sugar, basato ovviamente su Fedora...

Per partecipare bisogna avere un account Fedora attivo e far parte di almeno un gruppo tra quelli che portano avanti il progetto.

E' un vero peccato che, grazie alla nostra beneamata macchina burocratica, non sia consentita la partecipazione in Italia...

Tuesday, June 19, 2012

Fedora 17 a Roma

Abbiamo passato una grande giornata a Roma per festeggiare il rilascio di Fedora 17!

Originariamente l'evento previsto era la classica "pizzata" che periodicamente viene organizzata della comunità di Fedora Online (FOL), ma quando l'ho saputo ho subito pensato che sarebbe stato bello "dirottare" la serata in un vero e proprio release party per Fedora 17 :) così, dopo aver definito i dettagli con i ragazzi di FOL, ho prenotato un hotel per la notte e pianificato di raggiungere Roma con il treno. In realtà la faccenda non è stata così facile, perchè un impegno familiare precedente è terminato molto tardi e quando finalmente sono arrivato in stazione il treno stava già sui binari...

Fortunatamente, sono riuscito a salire in carrozza pochi secondi prima che le porte si chiudessero e così ho pututo raggiungere il luogo del party, un ristorante nei pressi di Piazza di Spagna a Roma.

Lì ho ricevuto un caldo benvenuto dai presenti (una ventina) che già stavano sorseggiando il loro aperitivo, e ho subito iniziato a preparare un tavolo con alcuni gadget (DVD, stickers, alcuni manuali su Fedora gentilmente forniti da Robert Mayr) e un PC con installato il Quiz su Fedora gentilmente fornito dai ragazzi di Brno (che non ringrazierò mai abbastanza per l'ottimo materiale); ho mostrato il funzionamento del quiz e incoraggiato gli utenti a provarlo.

il PC con il Fedora Quiz

A questo punto è iniziata la vera cena, con pizza e birra a volonta!

Durante la cena ho realizzato che praticamente tutti erano già utenti Fedora, così ho evitato una vera e propria introduzione al progetto e discusso più approfonditamente di singoli argomenti (le feature di Fedora 17, come contribuire, driver proprietari, come riportare bug, etc); c'è stato anche modo di fare una piccola dimostrazione di utilizzo di Gnome 3.4 da tastiera per una maggiore produttività.
con alcuni studenti di UniRoma2

La sorpresa finale è stata la torta preparata per celebrare il rilascio di Beefy Miracle; dopo tutta quella pizza non è stato facile affrontare una tale quantità di cioccolato, ma alla fine è sparita quasi tutta :)
La torta per Beefy Miracle

Prima di lasciarci, ho controllato i risultati del quiz e premiato i migliori tre con una bella busta di stickers Fedora, inclusi quelli metallizzati da tastiera che sono sempre un grande successo. Alla fine, abbiamo lasciato il ristorante e girovagato per Roma ancora un po' prima di tornare in hotel, stanchi ma felici per la bella serata passata assieme.

Infine, vorrei ringraziare tutti i partecipanti, gli organizzatori ed in particolare Antonio per aver curato tutta la logistica sul posto.
Antonio, eroe romano (di adozione)
In breve, un release party divertente ed interessante; ci vediamo al prossimo!

Fedora 17 Release Party Report

We had a Beefy Miracle launch event in Rome, and it was a great day indeed!

The original event was actually a Fedora Online (FOL) community gathering - they are used to host this "pizzata" event from time to time - but I thought it would be even cooler to hijack it to a proper Release Party for Fedora 17 :) so after arranging details with the FOL guys I booked an hotel for the night and planned to get there by train. This turned out harder than expected, as a previous commitment I had with my children run pretty late and I arrived at the train station (with no ticket) at the same time as the train I needed to catch...

Fortunately I managed to get on just few seconds before the door closed and finally arrived at the party place, a restaurant near Piazza di Spagna in Rome.

There I received a warm welcome from the people (around 20) present and proceeded preparing a table with some swag (DVD, stickers, some printed Fedora manuals kindly donated by Robert Mayr) and a PC for the Fedora Quiz sent me from the nice Brno guys (I will never thank them enough for the great material); I briefly shown how to use it and pushed some people to break the ice and try it.
The Fedora Quiz machine

Then we started the real dinner, with a lot of pizza and beer, and when I say a lot I really mean it...

During the dinner I learned almost everybody was already a Fedora user, so no need for a real introduction to the project, but I talked to smaller groups and discussed single topics in more details (Fedora 17 features, how to contribute, lack of proprietary drivers, how to report bugs, etc); we even made a small demo of Gnome 3.4 and shown how to perform common task without the mouse for greater productivity.
Q&A with some UniRoma2 students

Final surprise: a cake celebrating Fedora and the Beefy Miracle release; after all that pizza and beer it was quite hard to attack that amount of chocolate but we managed to eat almost all of it anyway :)
The Beefy Miracle cake

Before leaving, I checked the quiz results and rewarded the best three performances with an envelope with more stickers, including the laminated laptop ones that are always a huge hit. Finally, we left the restaurant and wandered together in Rome a bit more before returning to the hotel, tired but quite happy about the night.

Finally, I would like to thank all participants, everyone involved in the organization and in particular Antonio for handling the whole logistics in Rome.

Antonio, our resident hero
In summary a great, fun release event; see you at the next one!

Wednesday, June 6, 2012

Poster Release Party Roma

Per chi avesse perso la notizia.

Sabato sera ci incontriamo a Roma per festeggiare assieme Fedora 17, scambiare esperienze ed opinioni, bere birra in compagnia, quindi non mancate!

Ricordo che per partecipare al contest sul migliore desktop dovete portarvi dietro il vostro portatile.

Un grazie speciale ad Alexander Smirnov per aver creato il poster; se qualcuno lo volesse stampare ho a disposizione l'immagine ad alta risoluzione.

Thursday, May 31, 2012

Fixing MySQL tables in Fedora 17

I had some largish databases in my Fedora 16 installation so when I moved to Fedora 17 I copied back the files from the backup to /var/lib/mysql and tried to start MySQL as usual:
# systemctl start mysqld.service
Unfortunately, it got stuck attempting to start it, with syslog being filled with messages like this:
May 31 12:33:40 novo systemd[1]: mysqld.service holdoff time over, scheduling restart.
May 31 12:33:40 novo systemd[1]: Job pending for unit, delaying automatic restart.
so something was obviously wrong. First, I blamed wrong file permissions or SELinux. Unfortunately, the pair of commands:
# chmod -R mysql.mysql /var/lib/mysql
# restorecon -R /var/lib/mysql
did not fix it. Digging with Google it turns out I need to the mysql_upgrade command but that needs to connect to a running instance. uhm...
So the solution to this chicken-and-egg problem was to manually start mysql with the --skip-grant-tables options like this:
# su - mysql -c "/usr/libexec/mysqld --skip-grant-tables"
then running in another shell:
# mysql_upgrade -u root -p
# systemctl restart mysqld.service

Saturday, May 26, 2012

Fedora 17 Release Pizza Party

Ci siamo quasi, pur avendo subito diversi ritardi (e qui metterei un applauso al team QA per l'importantissimo lavoro di valutazione, classificazione e verifica dei bug riportati durante lo sviluppo) ormai mancano pochi giorni al rilascio di Fedora 17, che è stato confermato avverrà il prossimo 29 Maggio.

E allora, quale migliore occasione per festeggiare?

L'appuntamento è per Sabato 9 Giugno a Roma per una bella pizzata in compagnia di Beefy Miracle...

Tutti gli utenti Fedora e, perchè no, anche di altre distribuzioni che hanno voglia di passare una serata in allegria sono invitati!

Cosa faremo? Principalmente sarà una serata all'insegna del divertimento, con pizza e birra a volontà. Si parlerà senz'altro di Fedora 17, delle sue feature e dei progetti per il futuro della nostra distribuzione preferita. Si sta pensando anche ad una qualche forma di contest, con premi e gadget (sperando che arrivino in tempo!). Chi ha un portatile con Fedora installato lo porti, ci potrebbero essere delle sorprese...

Infine, qualche coordinata: il party inizierà alle 21, la pizzeria prescelta (ringrazio fin da ora Antonio Gemelli per aver organizzato la logistica sul posto) si trova in zona Piazza di Spagna. Per semplificare la vita a tutti, ci si incontrerà in Piazza del Popolo (fermata metro A "Flaminio") alle 20.

Infine, per aiutare l'organizzazione dell'evento siete pregati di segnalare la vostra adesione su questo thread di FedoraOnline; sempre su FedoraOnline è possibile contattare Antonio per ogni domanda relativa all'evento (il suo nick è antowen)

Se volete invece rimanere direttamente in contatto con me, scrivetemi a e vi fornirò il mio numero di telefono e/o contatto chat.

Friday, May 25, 2012

Progressi al supporto Mac in Fedora 17

Sebbene la Apple non sia (giustamente) ben vista dalla comunità del software libero, l'hardware che produce è senz'altro il punto di riferimento per chi apprezza la convergenza tra design e tecnologia; per renderesene conto è sufficiente farsi un giretto per qualunque conferenza tecnica e contare quanti MacBook ci sono in giro.

Purtroppo installare Linux su queste macchine non è mai stato molto semplice per cui spero di portare buone notizie segnalando che in Fedora 17 il supporto alla installazione è decisamente migliorato; infatti grazie al lavoro di Matthew Garrett i supporti di installazione ora funzionano nativamente (ovvero si avviano in modalità EFI), essendo riconosciuti sia nelle preferenze "Disco di Avvio" che facendo il boot premendo "Opzione" (Alt).

Certamente questo è un ottimo risultato, ma allora perchè non è una Feature ufficiale di Fedora 17? In realtà, anche se ora l'avvio della installazione (o del LiveCD/USB) è semplicissimo, ci sono ancora diverse problematiche da risolvere. In particolare, sono supportati solo i Mac con firmware a 64bit (tutti quelli prodotti a partire grosso modo dal  2007); in più, ci sono diversi casi in cui lo schermo rimane nero a causa di bug non ancora identificati nel driver Radeon.

L'obiettivo è riuscire a fornire il supporto nativo all'hardware Mac in Fedora 18, per cui se avete un Mac su cui pensate di installare Linux nei prossimi mesi, il consiglio è di scaricare una Live di Fedora 17, provarla ed eventualmente riportare i problemi riscontrati.

Per molti altri dettagli sull'enorme lavoro svolto vi rimando al post di Matthew

Tuesday, May 22, 2012

Kernel 3.4, a quando su Fedora?

Domenica scorsa Linus ha rilasciato l'ultima versione del Kernel, la 3.4. Anche se è un po' che non parlo di nuovi kernel, anche perchè facilmente vengono fuori post un po' troppo tecnici, ho trovato questa release degna di nota per almeno tre motivi.

Il primo: dopo che la feature ha "abortito" in diverse release, btrfs sembra aver raggiunto la maturazione necessaria per arrivare veramente come filesystem di default su Fedora 18. In particolare, sono ora disponibili i tool per il recupero dati da filesystem danneggiati e una prima versione del programma per controllarne l'integrità (fsck), oltre a miglioramenti nel comportamento in caso di errore.

Il secondo: esistono diversi hardware a 64bit con risorse (in particolare RAM) limitate. In questi casi, spesso si sceglie di usare una distribuzione a 32bit per non incorrere in problemi dovuti al maggiore consumo di RAM delle varianti a 64bit, a scapito delle performance che questi ultimi garantiscono grazie alle tecnologie più avanzate di cui dispongono; non entro nei dettagli, ma con il kernel 3.4 gli sviluppatori hanno trovato un sistema per avere il meglio dei due mondi: rimane da vedere come le distribuzioni si organizzeranno per supportare questo tipo di installazioni.

Infine, il driver nouveau (quello delle schede NVidia) è uscito dall'area staging, ovvero dal gruppo dei driver "instabili" (fra virgolette perchè l'instabilità non si riferisce alla qualità del codice, quanto al numero ed entità dei cambiamenti tuttora in corso), per entrare a pieno titolo fra quelli ufficiali. Fra l'altro, per la prima volta una nuova serie di schede (la GeForce 600) è supportata ancora prima della sua uscita sul mercato, sebbene per ora il firmware e il resto dello stack grafico necessari  non siano disponibili nelle distribuzioni.

Per tutti i dettagli, consultate il sempre ottimo Linux Kernel Newbies

Come velocizzare l'avvio di Fedora

Se avete notato che l'avvio di Fedora è molto lento, la causa del problema potrebbe essere il servizio iSCSI che, in alcuni modelli di Notebook, rimane in attesa troppo tempo aumentando, anche in modo notevole, i tempi di caricamento del sistema.

iSCSI è un protocollo che permette di inviare comandi a dispositivi di memoria SCSI fisicamente collegati a server e/o altri dispositivi remoti.

Nel caso (piuttosto comune) in cui non abbiate bisogno di avere il supporto a tale tecnologia, potete semplicemente disattivare i servizi associati.

Per verificare se il problema è iSCSI basta, come utente root, digitare il comando

systemctl disable iscsi.service iscsid.service

In questo modo i servizi iSCSI saranno disattivati e dal prossimo riavvio potrebbero diminuire drasticamente i tempi di boot.

Per ripristinare la situazione precedente basta digitare, sempre come utente root, il comando:
systemctl enable iscsi.service iscsid.service

Monday, May 14, 2012

Fedora in pillole: come registrare il desktop?

Se usate Fedora nella versione di default con Gnome-Shell e avete la necessità di produrre uno screencast, pochi sanno che basta utilizzare la combinazione di tasti:


per avviare una registrazione in formato WebM di ciò che viene visualizzato sul vostro schermo.

La combinazione di tasti vale sia per l'avvio che per l'arresto della registrazione.

Alla fine troverete nella vostra home directory un file chiamato shell-data_odierna-#.webm (ad esempio, shell-20120514-1.webm per il primo screencast registrato oggi)

Provare per credere :-)

Saturday, May 12, 2012

Fedora 15 e 16: attenzione agli aggiornamenti automatici

Se avete installato Fedora 15 o 16 nella versione predefinita con Gnome, avrete nelle impostazioni di aggiornamento l'opzione:

Installa automaticamente: solo aggiornamenti di sicurezza

Questo significa che alcuni aggiornamenti molto importanti vengono scaricati e installati in modo silenzioso, senza che l'utente se ne accorga.

Il problema è che se spegnete o riavviate il sistema mentre sta avvenendo questa operazione silenziosa di aggiornamento (poiché al momento non c'è alcun tipo di avviso) è possibile che vengano corrotti dei dati, i quali, in alcuni sporadici casi, potrebbero non consentire più l'avvio del sistema.

Dopo aver notato questo problema, tempo fa ho creato un bug report su bugzilla, ed è stato ritenuto abbastanza importante da essere classificato come bloccante per Fedora 17 (ovvero uno di quei bug che se non risolti possono far ritardare l'uscita della prossima versione di Fedora).

Dopo approfondita discussione, si è deciso per Fedora 17 di cambiare solo l'opzione di default degli aggiornamenti automatici in: 
Installa automaticamente: Niente 
questo perché purtroppo, a causa dell'avanzato stato di sviluppo, non è più possibile apportare modifiche pesanti al codice della versione in uscita.

La buona notizia è che Lennart Poettering (già creatore di Avahi, PulseAudio, Systemd)  e Richard Huges (PackageKit, colord) sono già al lavoro per una soluzione più dinamica e completa, che consenta all'utente di poter usufruire degli aggiornamenti automatici senza alcun pericolo.
Con l'uscita di Fedora 18 quindi questo problema sarà totalmente risolto, anche con gli aggiornamenti automatici attivati.

Se avete Fedora 15 o Fedora 16 comunque, il consiglio è di disabilitare gli aggiornamenti automatici.

Anche con questa opzione disabilitata, vi compariranno comunque le classiche notifiche che vi informeranno quando sono disponibili nuovi aggiornamenti  che potrete applicare con i metodi consueti.

Friday, May 11, 2012

I LUG e la diffusione di Linux

Ricevo e pubblico integralmente un contributo di Gabriele Trombini (mailga su IRC e FedoraOnline) sul rapporto tra i LUG (Linux User Group) e la diffusione di Linux. E' evidente che la sua esperienza al riguardo non è stata positiva, ma mi domando se anche altri hanno riscontrato le stesse problematiche nei LUG della propria zona. Fatemi sapere!

Tuesday, February 28, 2012

Fedora 17 Alpha al debutto

La prima apparizione di Beefy. Chi se la ricordava?
Come probabilmente sapete, Fedora 17 ha un nome in codice particolare, "Beefy Miracle" che non ha mancato di suscitare perplessità fra i commentatori dei post che pubblicizzavano la scelta del nome.

Magari il nome non sarà piaciuto, ma il suo primo "miracolo" questa nuova release l'ha già messo a segno arrivando puntualmente alla prima delle due pre-release in programma (l'altra sarà la Beta, prevista per il 3 Aprile). Infatti la versione Alpha di Fedora 17 è da oggi disponibile per il download, cosa che pare non succedesse dalla lontana Fedora 10. Non che i ritardi rappresentino un grosso problema visto che quando accadono servono a garantire la qualità del rilascio, ma questo è senz'altro un buon risultato per tutto il team di sviluppo e QA della distribuzione.

Ricordo che la Alpha segna la fine della possibilità di introdurre nuove feature (la lista di quelle approvate è disponibile sul wiki) e che se ne raccomanda l'utilizzo in macchine dedicate ai test. Il mio personale consiglio è quello di provare almeno il LiveCD e verificare che il sistema funzioni correttamente; questo è l'unico modo per evitare che la release finale abbia qualche grave difetto proprio sul vostro hardware.

E visto che alcuni mi hanno chiesto un parere sulla opportunità di usare un nome come questo vi dico la mia: personalmente penso che il nome rappresenta più che altro un premio per i partecipanti la progetto che ad ogni release possono proporre e poi votare quello della release successiva. Alla fine il nome rimane associato alla release solo per un breve lasso di tempo e poi tutti ricordano solo le versioni numeriche; sapreste dirmi a bruciapelo i nomi che avevano Fedora 11 oppure Ubuntu 9.10? Io onestamente non li ricordo

E a proposito di "Beefy Miracle", se siete curiosi di conoscere l'origine di questo "tormentone" vi segnalo il sito completamente dedicato a Sua Salcissiosità creato proprio in occasione di Fedora 17.